Effetto avverso vs effetto collaterale
  

Effetto avverso ed effetto collaterale sono termini comunemente associati ai farmaci. Sono utilizzati da infermieri e medici, per riferirsi agli effetti indesiderati di un farmaco su un paziente. In effetti, questi termini sono diventati così comuni che anche quelli al di fuori del campo medico fanno uso di queste parole per riferirsi ai sintomi che avvertono dopo aver assunto un farmaco. Ci sono persone che li usano in modo intercambiabile, il che non è corretto poiché questi termini si riferiscono a fenomeni diversi. Questo articolo mira a evidenziare queste differenze.

Effetto collaterale

Questi sono sintomi mostrati da un paziente dopo aver assunto un farmaco che sono una conseguenza naturale della formula chimica del farmaco sul corpo del paziente. Gli effetti collaterali sono per lo più previsti quando un farmaco arriva sul mercato dopo che sono stati condotti numerosi studi di prova e anche se un paziente non è a conoscenza di questi effetti collaterali, i medici sono a conoscenza di tutti questi effetti collaterali. Principalmente gli effetti collaterali sono innocui e non richiedono farmaci. I medici consigliano ai pazienti di non prestare attenzione agli effetti collaterali quando scompaiono in pochi giorni o addirittura ore. Tuttavia, in alcuni casi, alcuni degli effetti indesiderati possono essere gravi e richiedere l'intervento del medico. Potrebbe ridurre il dosaggio del farmaco o interromperlo del tutto per rimuovere questi fastidiosi effetti collaterali.

Effetto avverso

Come suggerisce il nome, alcuni pazienti, a parte gli effetti collaterali di un farmaco, riportano anche alcuni effetti indesiderati che non sono previsti nemmeno dai medici. Questi effetti possono essere dannosi per il paziente e indurre il medico a interrompere la somministrazione del farmaco. Gli effetti collaterali possono ostacolare la procedura di trattamento, possono complicare la malattia o addirittura peggiorare la situazione o produrre un nuovo disturbo nel paziente.