Il termine adiabatico deriva dalla lingua greca, il che significa che non può essere tradotto se tradotto. Pertanto, è uno dei processi più importanti in termodinamica ed è caratterizzato dall'assenza di conduzione del calore dal o nel fluido in cui opera.

Il processo adiabatico, noto anche come processo isocalorico, è anche visto come qualcosa che va direttamente al di sotto del processo isoclorico. Il termine adiabatico può anche descrivere un limite che non può essere attraversato alla conducibilità termica del confine se il confine è isolato. Un'altra descrizione può anche riferirsi alla temperatura della fiamma, dove la temperatura dell'incendio non è adiabatica, a meno che non vi sia una significativa perdita di calore nell'ambiente.

Adiabatic può anche descrivere il tipo di riscaldamento o raffreddamento. La pressione totale degli attributi del gas fa sì che la temperatura cambi, ovvero se viene aggiunto o rimosso del calore.

Nel riscaldamento adiabatico questo fenomeno si verifica durante l'aumento della pressione del gas a causa anche di alcune variabili attorno al pistone. I motori diesel applicano il principio del riscaldamento adiabatico per evitare di bruciare benzina. Al contrario, c'è un raffreddamento adiabatico in cui la pressione della sostanza diminuisce. Ancora una volta, questo processo non richiede fluido.

I processi adiabatici possono essere reversibili e irreversibili. Tenendo conto delle variabili di Riscaldamento Q come energia ottenuta dal riscaldamento del sistema, T è per la temperatura del sistema e dS per l'entropia; se questo è l'ultimo (processo adiabatico irreversibile), allora si dice che ÎQ è 0 ma non è uguale a TdS. Quando si scrive un'espressione, sarà nella forma di ÎQ = 0â d TdS perché TdS è maggiore di 0 (TdS> 0). Un esempio è quando il gas può espandersi all'interno del vuoto. Al contrario, per tutti i rendimenti, tutte le variabili sono uguali. Pertanto, le variabili sono espresse come ÎQ = 0 = TdS. Ad esempio, questo processo è chiamato isentropico (a volte chiamato anche isoentropico).

Una breve descrizione; alla fine:

1. Il processo adiabatico è un processo che non produce alcuna perdita o formazione di calore su un liquido, ma il processo isentropico è ancora adiabatico (non c'è trasferimento di calore) e rinnovabile (nessun cambiamento di entropia).

2. Il processo adiabatico può essere sia irreversibile che irreversibile, ma il processo isentropico, in particolare, è un processo adiabatico reversibile.

RIFERIMENTI