Il colore è la reazione delle particelle fotosensibili nei nostri occhi a stimoli esterni sotto forma di raggi di luce. Quando entra nell'occhio, la luce si piega ed emette lo spettro. Il colore è un intervallo di frequenza di 400-800 trilioni di Hz. Esistono due modi principali per mescolare i colori: 1. Sottrattivo: pigmentazione meccanica mista che fonde i colori di base 2. Opzionale: miscelazione ottica leggera

Qual è il colore extra?

La fusione adattiva si basa sull'aggiunta o l'aggiunta di singole lunghezze d'onda. Questo metodo è più facile da descrivere aggiungendo tre raggi di luce a rosso, verde e blu. Colori diversi possono essere raggiunti con rapporti di intensità luminosa diversi. Ciò è possibile perché la massima sensibilità delle singole particelle corrisponde alle parti rossa, verde e blu dello spettro visibile e rileva il colore dell'osservatore in base al grado di eccitazione. (Ad esempio, se i solidi sensibili solo alla parte blu dello spettro sono esposti, il cervello dell'osservatore lo percepisce come blu. Il sistema RGB (cioè rosso-verde-blu) per visualizzare i colori sui monitor. Si basa sul principio della miscelazione del colore complementare: non si tratta solo di una miscela di pigmenti che rappresentano parti dello spettro, ma di un diverso assorbimento di diverse lunghezze d'onda. Ogni pixel è definito da 3 dati che rappresentano il valore di questi 3 colori di base. I monitor emettono luce e i colori sul monitor sono ottenuti da una combinazione di pixel di colore.

Che cos'è un colore sottrattivo?

La sintesi di separazione si basa sull'ottenimento o sottrazione di determinate lunghezze d'onda dalla luce bianca. La lunghezza d'onda selezionata può essere rimossa usando un filtro. Con il filtro verde, distinguiamo tra rosso e viola, verde e giallo nello spettro. È possibile ottenere un'ampia assimilazione delle singole lunghezze d'onda per ottenere una vasta gamma di colori diversi. Naturalmente, in questo caso, il colore che l'osservatore sente dipende da ciò che è accaduto ai suoi occhi. Se utilizziamo un filtro che assorbe la parte verde dello spettro visibile della luce bianca, le particelle blu e rosse verranno preservate, il che significa che le particelle oculari dell'osservatore verranno spostate dai sensori sensibili blu e rosso. . che interpreta il cervello come viola. A scuola, durante le nostre lezioni di arte, utilizziamo un sistema di pigmenti, una miscela di colori rosso e giallo che produce arancione, blu e rosso viola, giallo e blu, mescolando i colori uniformemente con il nero. I pigmenti non emettono luce, ma riflettono la luce delle lunghezze d'onda. Questo è un sistema di separazione, un sistema di colore che deriva dalla rimozione piuttosto che dall'aggiunta di colore. In effetti, i colori principali in questo sistema sono rosso scuro, giallo e arancione e la loro combinazione è nera, ma la stampa utilizza il sistema CMYK (tasto blu-rosso-giallo, dove il "tasto" è nero, che CMY non ha bisogno di creare. consumo non necessario).

Differenza tra colori complementari e di evidenziazione



  1. Descrizione di colori aggiuntivi e distintivi

Un'ulteriore miscelazione del colore avviene simultaneamente sotto l'influenza di diversi sensori di colore: le "sostanze irritanti" dell'occhio. Diversi valori di colore si trovano nella sovrapposizione e in cui l'impressione ottica interferisce l'una con l'altra. Contrariamente all'additivo, la miscela cromatica (riproduttiva) di separazione non è il mix cromatico "provocatorio", ma piuttosto il colore. Si basa sulla colorazione o sulla riflessione o sul passaggio attraverso gli strati di pigmento.



  1. Colori di base

La sintesi del colore aggiuntiva si verifica quando tre zone di luce vengono miscelate otticamente (rosso, verde e blu). La sintesi del substrato deriva dalla miscelazione dei colori dei materiali di base (blu, rosso scuro e giallo).



  1. Combinazioni di colori con colori complementari e di evidenziazione

Sintesi colore avanzata: verde + rosso = giallo, blu + rosso = rosso, blu + verde = verde. Si verifica la miscelazione del substrato: giallo + magenta = rosso, giallo + blu = verde, rosso + blu = blu.



  1. Sistemi con colori complementari e distintivi

RGB è un sistema di sintesi cromatica complementare. Il display a colori è disponibile in diverse intensità dei colori principali: rosso, verde e blu. Questo sistema viene utilizzato per operare sullo schermo del monitor. CMYK è un sistema di separazione dei colori. Il display a colori viene rimosso dall'inchiostro bianco filtrando il colore della luce principale. Il filtro turchese (blu) separa il bianco dal rosso, il magenta al verde e il giallo al blu. Il nero viene utilizzato per rendere il colore ancora più sfocato. Questo sistema viene utilizzato per i lavori di stampa.

VS. aggiuntivo Colori di sottrazione: tabella di confronto

Riepilogo dei colori ridotti in versi aggiuntivi

  • Una sintesi di colore aggiuntiva si verifica quando le tre zone di luce (rosso, verde e blu) si mescolano con intensità ottimale e quindi luce bianca. Sintesi colore avanzata: verde + rosso = giallo, blu + rosso = rosso, blu + verde = verde. La sintesi del substrato deriva dalla miscelazione dei colori dei materiali di base (blu, rosso scuro e giallo). Se tutti e tre i colori vengono miscelati, viene prodotto il nero. Si mescolano: giallo + rosso scuro = rosso, giallo + ciano = verde, rosso scuro + ciano = blu.

RIFERIMENTI

  • Credito immagine: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/2b/Additive_color.svg/500px-Additive_color.svg.png
  • Credito immagine: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/1/19/SubtractiveColor.svg/600px-SubtractiveColor.svg.png
  • Farris, S. "Colore: teoria del colore, intervento e percezione", New York: White Word Publications, 2016
  • Kuexni, R.G., Schwartz, A. "Ordine dei colori: uno studio sui sistemi di colore dall'antichità ai giorni nostri", Oxford: Oxford University Press, 2008.
  • Wyszecki G., Stiles, WS "Color Studies: Concepts and Methods, Quantitative Data and Formulas, 2nd Edition", New Jersey: Wiley Interscience, 1982