Magnitudine assoluta vs apparente

Gli oggetti astronomici hanno affascinato la razza umana e catturato l'immaginazione delle più brillanti menti sulla terra per migliaia di anni. È la prima meraviglia naturale ad essere analizzata da vicino dalla mente umana. Nella loro indagine, gli antichi astronomi avevano bisogno di strumenti per valutare le loro osservazioni, che non sono comunemente usati su problemi più terrestri.

Uno di questi strumenti è il concetto di grandezza, che l'astronomo greco Ipparco usò circa 200 anni fa. Consiste in una scala di magnitudine apparente basata sulla pura osservazione. Ha classificato le stelle in base alla luminosità del cielo. Gli astronomi moderni usano un approccio più matematico a questo, ma il concetto non è cambiato nel tempo di due millenni.

Che cos'è la magnitudine apparente?

La grandezza apparente è definita come la luminosità di un oggetto celeste misurata da un osservatore sulla terra, in assenza dell'atmosfera. La magnitudine apparente viene data con una scala tale che minore è la luminosità, maggiore è la magnitudine e maggiore è la luminosità minore della magnitudine. Ad esempio, la stella più luminosa nel cielo nello spettro visibile, il Sirio, ha una magnitudine apparente di -1,4 e la magnitudine apparente massima di Caronte, la luna di Plutone, è 15,55

La magnitudine apparente è una misura dell'intensità della luce ricevuta da un oggetto specifico nel cielo. Tuttavia, non fornisce una misura della luminosità intrinseca dell'oggetto. La quantità di luce / fotoni ricevuta da un osservatore sulla terra dipende dalla distanza dell'oggetto e dall'intensità effettiva dell'oggetto.

Inoltre, la grandezza apparente di un corpo celeste può differire a seconda della gamma dello spettro elettromagnetico in cui viene osservato. La magnitudine apparente dello stesso oggetto osservata nella banda infrarossa è diversa dalla quantità osservata nella luce visibile. Tuttavia, il concetto viene utilizzato principalmente per le osservazioni nella regione visibile dello spettro elettromagnetico.

Che cos'è la magnitudine assoluta?

La grandezza assoluta è definita come la grandezza apparente di una stella alla distanza di 10 parsec o 32,6 anni luce. È una misura della luminosità intrinseca del corpo celeste.

Il confronto della grandezza dei corpi astronomici a una distanza fissa consente agli astronomi di escludere l'estinzione astronomica e la distanza variabile dai corpi e considerare solo la quantità di luce proveniente dal corpo.

Qual è la differenza tra magnitudine assoluta e apparente?

• La magnitudine apparente è la luminosità di un corpo astronomico vista dalla terra, mentre la magnitudine assoluta è la magnitudine apparente di un corpo vista da 10 parsec o 32,6 anni luce dalla terra.

• La magnitudine assoluta è una misurazione intrinseca, ma non la magnitudine apparente.